Fondazione Marconi
Arte moderna e contemporanea
via Tadino 15, 20124 Milano
Tel. +39 02 29 41 92 32
Fax +39 02 29 41 72 78 - info@fondazionemarconi.org

Cookie Policy - Privacy Policy

Dominio sito:

La mostra

Emilio Tadini 1967-1972

Davanti agli occhi, dietro lo sguardo

resterà chiusa nei giorni

20, 25 aprile e 1 maggio

 

Orario: martedì-sabato, ore 11-19.


 

The exhibition

 

Emilio Tadini 1967-1972

Before Our Eyes, Behind Our Gaze

 

will be closed

on 20, 25 April and 1 May


Opening hours: Tuesday-Saturday, 11am-7pm

 

 
 
 
 
instagram

05-03-2019
È improvvisamente scomparso a Milano l’artista Bruno Di Bello.
 
Bruno Di Bello (Torre del Greco, 1938) dopo gli studi all’Accademia di Belle Arti di Napoli, dà vita al Gruppo ’58 insieme a Biasi, Del Pezzo,
Fergola, Luca e Persico, partecipando alla grande stagione di rinnovamento che vede Napoli dialogare
con le tendenze artistiche internazionali.
Sin dagli inizi della sua carriera si distingue per la sua spiccata attenzione per il segno e per la
sperimentazione di nuove forme espressive sia in ambito pittorico che fotografico.
Al 1966 risale la sua prima personale alla Modern Art Agency di Lucio Amelio di Napoli cui seguono altre due mostre nel 1970 e 1977.
Nel 1967 si trasferisce a Milano. In questa fase la sua ricerca è concentrata sulla rilettura delle
avanguardie storiche, di cui offre una personale rivisitazione nelle sue grandi tele fotografiche.
A Milano aderisce al gruppo della Mec-Art, sostenuto da Pierre Restany, e inizia la sua frequentazione
dello Studio Marconi. La sua stretta e duratura collaborazione con Giorgio Marconi comincia nel 1971 e
non si interromperà mai.
Tra le numerose mostre a lui dedicate, ricordiamo le ultime importanti personali che si sono tenute alla
Fondazione Morra a Napoli (2005), al Museo MAC di Niteroi a Rio de Janeiro (2011) e al Museo
Archeologico di Napoli (2017).
La Fondazione Marconi ospita l’ultima personale dell’artista nel maggio 2018 testimoniando il suo
interesse per nuovi mezzi espressivi quali il computer e la sua continua indagine sul segno che, a partire dagli anni duemila, si traduce nella forma dei frattali.